Meditazione: connettersi al nostro scopo di vita

StormyWeather-
Molti di noi hanno speso un’enorme quantità di tempo e denaro per libri di auto-aiuto e  partecipato a seminari di auto-miglioramento. Abbiamo investito nel settore auto-aiuto
cifre considerevoli rivolgendosi a degli esperti, guru, guide. Cosa fare adesso? Qual è nostro scopo di vita ?
Per connettersi al nostro scopo di vita, dobbiamo fare solo una cosa: respirare. Sei consapevole del tuo respiro in questo momento? Io non ero consapevole del mio respiro fino a quando non respirai più.. Questo è il motivo per cui ho voluto imparare a prendere consapevolezza dellastuoia”della meditazione e incominciare a vivere in modo diverso. Che cosa è la consapevolezza? E ‘un termine che sentiamo spesso oggi, ma cosa significa? Essere consapevoli è semplicemente respirare. Quando ci colleghiamo al nostro respiro consapevole ci colleghiamo al momento presente. Solo nel momento presente siamo veramente connessi ai nostri sogni e desideri. Questa connessione consapevole è la respirazione Universale, chiamata anche respirazione primaria..
Tuttavia questa dimensione è fragile e lo stress, la vita frenetica, rendono difficile
mantenere questo stato (all’interno) a lungo.Woman sitting on mountainside
Luang Prabang
Sono stata a Luang Prabang- Laos. Città Patrimonio dell’Umanità Unesco. L’infuso scintillante dei tetti dei templi, fatiscente architettura provinciale francese, e la quiete benevole degli abitanti, ti trasporta in uno stato di beatitudine irreale..

 La bellezza di questo luogo è tutta in un istante.
monks-6-6-30am-time-to
L’anima di questa città è intrisa di sacralità buddista. I riti scandiscono i gesti ripetuti da generazioni come l’offerta del cibo ai Bonzi, oggi divenuta purtroppo attrazione e spettacolo per i turisti..
Ma quando naturalezza e tecnologia si combinano assieme allora parliamo 
di un vero e proprio passo da gigante per le nostre vite..(non tutti possono volare in una spiaggia deserta dall’oggi al domani )luang-a-night
en-route-sur-le-mekong
Ecco i miei consigli (per tutti i tuoi problemi o quasi)..all’interno
e condivido con te tre passaggi per essere consapevoli.

1) Fase uno:  autocompassione.

 Prenditi cura di te 20 minuti al giorno e ama il tuo corpo, la mente e lo spirito. Rilassati e ascolta musica edificante, fai una passeggiata nella natura, immergiti in un lungo bagno. E’ questa semplicità e calma la risposta allo stress nel corpo che aumenta, quando sei nel bel mezzo di una crisi esistenziale. Curarsi di sé stessi non è un atto egoistico. Come possiamo dare agli altri altrimenti quando il nostro serbatoio del gas è  vuoto? La nostra anima è un vaso, e deve essere colmo e ricco per vincere la paura, il giudizio o l’ansia. Praticare l’auto-compassione fino allo shock acuto e il dolore di una crisi di vita si placherà.

2) Fase due è: adotta un atteggiamento di gratitudine.

elefanti
Studi clinici dimostrano che un atteggiamento di gratitudine è fortemente correlato con l’essere felici nella nostra vita. Pensa a te stesso. Nel ringraziare le tue benedizioni si moltiplicano e cambia il tuo modo di pensare e di conseguenza anche la tua vita e il mondo..(dall’interno)
Avvia una praticagratitudine terminando  ricordando  tre cose per cui hai provato gratitudine. Con questa pratica la gratitudine progredisce e cominci a riconoscere i momenti di “gratitudine” non più alla fine della giornata, ma nello stesso tempo in cui accadono. Dopo aver calmato la mente e il corpo con la cura di sé e riempito la vita di gratitudine, ti sentirai più tranquillo e ti stupirai di essere ancora lì seduto in meditazione. 3) Fase tre è di: essere ancora.. e sempre. Pensi di avere un momento nella tua giornata per essere ancora”? E ‘semplice come ricordarsi di respirare. La meditazione ha dimostrato di cambiare e migliorare la struttura e la funzione del cervello. La meditazione è la medicina per la mente e la guarigione per l’anima. Nella meditazione la quiete scende nella tua mente e ti apri all’ispirazione. L’ispirazione può assumere varie forme:  ricordare i tuoi sogni d’infanzia o guardare al futuro indicandoti la via. Non c’è nessun esperto  di auto-aiuto, guru che  sia, che ti darà le risposte al tuo scopo di vita. Le risposte che cerchi sono dentro di te, la memoria  di vita ti guiderà. Tutto quello che è successo nella tua vita  è che hai avuto le risposte nel tuo cuore, per tutto il tempo.KONICA MINOLTA DIGITAL CAMERA
Un abbraccio di luce.

Gabriella
Fondatrice Spazio Dahn
via san Massimo,44 – tel 348.8420796
– info@meditazionetorino.com



Facebooktwittergoogle_plus

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *